Il bus galera che frega l'extracomunitario



­

http://milano.repubblica.it/dettaglio/milano-vigili-a-caccia-degli-immigrati-il-bus-galera-imprigiona-i-clandestini/1734491

 

Stanno toccando il fondo: le forze del disordine utilizzano anche l’inganno più sfacciato per incastrare gli extracomunitari sprovvisti di passaporto o permesso di soggiorno. A Milano, un bus con le grate ai finestrini, utilizzata anche per i facinorosi e gli ultrà, viaggia di fermata in fermata, fa scendere i vigili che controllano le “facce sospette”: se non hanno i documenti in regola li portano alla centrale. Ma del bus galera te ne accorgi solo quando posteggia alla fermata: le grate da dietro o davanti non si vedono.

I vigili ne vanno fieri, il servizio sta andando bene, lo chiamano la “tonnara”: è partito dalle insistenti “richieste dei cittadini”, in una città rappresentativa di un Paese impaurito (e che fa paura) in cui è diventato legale solo l’obbrobrio contro i disperati, mentre vengono garantite immunità e sostegno ai responsabili di crac finanziari di dimensioni internazionali e di rivoltanti distruzioni del territorio.

Tutto legale: è introdotto il reato di immigrazione clandestina.

Tutti lo sanno: chi fugge da Paesi impoveriti, distrutti, inquinati, insanguinati dai furti e dalle guerre messe in piedi dai governi e dalle imprese occidentali per sfruttare le risorse di quei territori, d’accordo con i “nuovi capi” del posto, e arriva in Italia, per il solo fatto di trovarsi in un posto, respirare, cercare di tirare a campare in un mondo pieno di cassonetti ricolmi e di volantini pubblicitari, è un criminale. Tutti lo sanno. Tutti gli italiani ormai lo sanno.

Gli Italiani, queste pecore che stanno zitte quando degli incapaci e profittatori distruggono la scuola, la sanità, i diritti, la voce, ma poi sono capaci di urlare contro chi ha già solo la faccia di chi potrebbe toglier loro la “borsetta” (l’hanno detto alla televisione).

Gli Italiani ormai sanno solo dare la colpa a qualcun altro, ormai la TraVe che hanno negli occhi è arrivata a lobotomizzarli.

Ehilà? C’è qualcuno ancora capace di indignarsi?

per l'Osservatorio Sud

Andrea Bitonto



Articolo tratto da: Osservatorio Sud ...un mondo diverso possibile! - http://www.osservatoriosud.org/
URL di riferimento: http://www.osservatoriosud.org//index.php?mod=read&id=it/1254315982