Posizione: Notizie

Vedi anche :


i Laboratori dell'Osservatorio :


Tavolo Povertà e Pace :


Tavolo Beni Comuni e Territorio :


Newsletter :

Newsletter
Iscriviti Cancellati

quotes :

Da questa lontana terra anche io grider˛: "non sono d'accordo alla guerra!" Tra qualche anno ci diranno che avevamo ragione. Speriamo che non sia troppo tardi. Alex Zanotelli

Cerca :







Ricerca avanzata

Read COCA e PEPSI PROSCIUGANO L'INDIA

pace_S.jpg

La denuncia di Vandana Shiva: per produrre un solo litro di bevande se ne inquinano circa dieci di acqua potabile

Secondo la scienziata ecologista indiana la Coca Cola e la Pepsi rientrano a pieno titolo nell'insieme di prodotti tossici o pericolosi che dovrebbero essere banditi per tutelare la salute dei cittadini e dell'ambiente.

Il 22 agosto scorso la campagna Coke Pepsi quit India (Coca e Pepsi lascino l'India) ha intensificato le attività per la messa al bando di queste due bevande con una speciale giornata di mobilitazione. Lo stato del Kerala ha messo in pratica il divieto. Gli stati di Karnataka, Madhya Pradesh, Gujarat e Rajasthan hanno proibito queste bevande nelle scuole e nelle mense del governo. In India, insomma, si stanno creando delle zone "libere" da Coca e Pepsi.
Ma perché mettere al bando queste bevande? In India, per una serie di ragioni di ordine ambientale e sanitario molto consistenti. Ogni impianto di Coca o di Pepsi "beve" tra uno e due milioni di litri d'acqua al giorno, e nel nostro paese di questi impianti ce ne sono 90, con un prelievo idrico quotidiano tra i 90 e i 180 milioni di litri. Con tali quantità di acqua si potrebbero soddisfare le esigenze idriche di milioni di persone. Per produrre un solo litro di bevande come la Coca e la Pepsi, invece, vengono inquinati circa dieci litri di acqua potabile. Nei reflui di questi impianti il Pollution control board del Kerala ha rilevato alte concentrazioni di cadmio e piombo. È scientificamente dimostrato che esposizioni al cadmio protratte nel tempo possono causare disfunzioni renali, danni alle ossa, al fegato e al sangue. Il piombo invece danneggia il sistema nervoso centrale, i reni, il sangue e il sistema cardiovascolare. Le donne di un piccolo borgo del Kerala sono riuscite a far chiudere un impianto della Coca Cola. «Quando bevi Coca Cola, stai bevendo il sangue delle persone» ha dichiarato Mylamma, fondatrice del movimento anti Coca Cola a Plachimada.

L'impianto di Plachimada rappresenta un caso ormai storico ed emblematico. Era stato progettato nel marzo del 2000 con l'obiettivo di produrre ogni giorno 1.224.000 bottiglie di Coca Cola e ottenne la licenza per installare una pompa. Ma iniziò, anche, a estrarre illegalmente milioni di litri di acqua potabile. Secondo la gente del luogo, l'impianto pompava almeno un milione e mezzo di litri al giorno. Il livello della falda iniziò ad abbassarsi vertiginosamente, passando da 150 a 500 metri di profondità. I contadini e gli abitanti dei villaggi denunciarono il fatto che non riuscivano più a mettere da parte l'acqua necessaria perché continuavano a spuntare nuovi pozzi, con gravi impatti sul raccolto agricolo. Quando le accuse furono confermate dal fatto che l'azienda non era in grado di fornire un rapporto dettagliato richiesto dalle autorità locali, fu mandata un'ingiunzione a comparire in tribunale e la licenza fu revocata. A quel punto la Coca Cola provò, senza riuscirci, a corrompere il presidente del Panchayat, A. Krishnan, offrendogli 300 milioni di rupie.

Ma la Coca Cola non si limitava a rubare l'acqua alla comunità locale: quella che non prendeva, la inquinava. L'azienda infatti ha depositato del materiale di scarto nei pressi dell'impianto che, durante la stagione delle piogge, si è disperso nei campi, nei canali e nei pozzi. Dopo che ben 260 pozzi messi a disposizione dalla pubblica autorità come sorgenti di acqua potabile per la popolazione si erano esauriti, la Coca Cola li ha utilizzati come deposito per le sue acque di scarto di lavorazione. Nel 2003, l'ufficiale medico distrettuale ha informato la popolazione di Plachimada del fatto che la loro acqua non era più potabile. Le donne, che già avevano notato che l'acqua della zona non era più sana, dovevano quindi camminare per miglia per raggiungere fonti di acqua potabile.






Postato Giovedi 30 Novembre 2006 - 17:00

Commenti | Aggiungi commento | Stampa


Altre notizie relative a questo argomento

Read Manifestazione Antirazzista - Bari, 12 dicembre - p.zzale Madonnella, ore 15.30 (02/12/2009 - 16:38) letto 10010 volte
Read Ferrhotel occupato da profughi somali (20/10/2009 - 19:30) letto 9105 volte
Read La Cooperativa Artezian la puoi trovare all'Osservatorio Sud (04/10/2009 - 12:42) letto 10189 volte
Read FESTA D'ESTATE dell'Osservatorio Sud (16/08/2009 - 16:30) letto 9196 volte
Read I rom di Bari in aiuto all'Abruzzo (15/04/2009 - 10:07) letto 10639 volte
Read  Raccolta e invio materiali nelle zone del terremoto. (13/04/2009 - 15:29) letto 5879 volte
Read Leggi tutto (24/01/2009 - 11:28) letto 5252 volte
Read Lettera aperta ai soldati israeliani (15/01/2009 - 22:47) letto 5630 volte
Read Contro ogni discriminazione: "Dimenticare di mendicare" (11/06/2008 - 21:50) letto 6457 volte
Read Messaggio dalla Cooperativa di lavoro Artezian - comunitÓ Rom di Japigia - Bari (16/05/2008 - 10:39) letto 6312 volte
Read Sportello Unico Immigrazione (23/02/2008 - 22:31) letto 6256 volte
Read Espulsione comunitari ed extracomunitari (22/02/2008 - 15:18) letto 5532 volte
Read Giornata nazionale contro la guerra e i suoi strumenti sui nostri territori (09/12/2007 - 17:00) letto 5646 volte
Read Lettera aperta di Alex Zanotelli (04/12/2007 - 17:00) letto 5493 volte
Read Progetto per l'Infanzia Rom (21/11/2007 - 17:00) letto 5495 volte
Read Bari-due giornate dedicate al CILE-17 e 18 maggio 2007 (21/05/2007 - 18:00) letto 5550 volte
Read 25 Aprile - INSIEME PER LA PACE (29/04/2007 - 18:00) letto 5483 volte
Read Sit-in contro la guerra (21/04/2007 - 18:00) letto 5534 volte
Read Bari - Appello alla manifestazione per i diritti dei migranti (24/03/2007 - 17:00) letto 5523 volte
Read Vogliamo continuare ad essere testimoni della speranza (23/03/2007 - 17:00) letto 5675 volte
Read Appello per l'eliminazione delle armi nucleari [ (22/03/2007 - 17:00) letto 5982 volte
Read WSF: P.ZANOTTELLI; A POVERI TORTA ORA,NON IN CIELO (05/02/2007 - 17:00) letto 5549 volte
Read APPELLO DI PADRE ALEX ZANOTELLI (22/01/2007 - 17:00) letto 5846 volte
Read źIl pacifismo rialzi la testa╗ (22/01/2007 - 17:00) letto 6027 volte
Read Bari, 31 agosto-3 settembre 2006 " Sbilanciamoci! " (30/08/2006 - 18:00) letto 5792 volte
Read colori in libertÓ - 1░ giugno 2006 (31/05/2006 - 18:00) letto 5847 volte
Read PER UN 8 MARZO DI PACE E DI DISARMO (14/04/2006 - 18:00) letto 6051 volte


Osservatorio Sud - via Buccari 120/B - 70125 Bari